Huawei P9 Plus


Un telefono che guarda, si sente, ed è costoso, la Huawei P9 Plus ha creato una generosa mangiata di lusso con esso.Il Huawei P9 Plus è un cellulare di fascia, ma rimane uno dei più costosi.

Come quasi tutti i telefoni di fascia alta Huawei, il P9 Plus ha uno scanner di impronte digitali di alta qualità sulla parte posteriore. Se siete abituati a uno scanner frontale, non preoccupatevi,il tempo per abituarsi e non ci farete neanche più caso.

Una caratteristica superiore dello scanner del P9 Plus è che funziona quasi istantaneamente quando è in modalità Stand-By.

Specifiche:

Schermo: 5,5” full HD Super AMOLED
CPU: Kirin 955
RAM: 4 GB LPDDR 3
Memoria interna: 64 GB eMMC espandibile (con microSD fino a 128 GB)
Fotocamera posteriore: dual camera da 12 megapixel, una delle quali in bianco e nero, f/2.2, laser autofocus
Fotocamera frontale: 8 megapixel f/2.4
Batteria: 3.400 mAh
Dimensioni: 152.3 x 75.3 x 6.98 mm
Peso: 162 grammi
OS: Android 6.0 Marshmallow con EMUI 4.1

Il design è un settore che Huawei ha definitivamente inchiodato, e il P9 Inoltre e come gli altri dispositivi prima di esso.

Certo, c’è una possibilità che Apple ha fornito alcune ispirazione con i suoi iPhone come ad esempio la scocca del P9, simile ad un telaio metallico curvato con bande aeree che abbracciano il retro, ma Huawei ha aggiunto qualche tocco personale di design.

Amo le linee sottili che strisciano attraverso il P9 plus , mentre il sensore di impronte digitali montato posteriormente è perfettamente posizionato e ben rientrato per rendere l’ individuazione più facile. Ma, naturalmente, è la barra della fotocamera nella parte superiore della piastra posteriore del P9 che gli conferisce un look distintivo.

Per quanto riguarda il peso è pari a 162g rispetto ai 144 g, anche se è abbastanza ingombrante , un po troppo (nonostante la sua finitura piacevolmente fine), l’uso di una sola mano è davvero difficile.

Per fortuna è possibile richiamare la “modalità con una sola mano” in qualsiasi momento muovendo attraverso la barra degli strumenti sullo schermo, questo fa si che le icone “lievitino” nella parte inferiore dello schermo, è una funzione utile che si ritrova anche negli Xiaomi.

Una cosa che mi ha colpito è il sensore che è praticamente al cento per cento accurato riconosce immediatamente la vostra impronta e sblocca il telefono in un unico movimento.

Tutti e tre i telefoni P9,P9 lite e Plus, hanno Android Marshmallow, con la propria Emotion UI di Huawei , dando al sistema operativo di Google un look unico ,il P9 Plus si definisce come una metà strada tra un telefono Android e un iPhone.

Schermo:

Con la sua maggiore dimensione arriva un nuovissimo schermo AMOLED da 5,5 pollici, un miglioramento rispetto al già molto-buon display 5,2 pollici del P9 originale.

Lo schermo Full HD, ha angoli di visualizzazione davvero ottimi, non avrete problemi a usarlo neanche nei giorni di super-sole.

La schermata P9 Plus ‘è anche straordinariamente ottimizzata grazie al passaggio della tecnologia” AMOLED” , che incrementa la ricchezza del colore.

Un’altra caratteristica del display si trova sul P9 In più, ma non i telefoni P9 più piccoli è Huawei Tech ‘Press Touch’. Questo è più o meno la stessa funzione 3D Touch di Apple trovato su iPhone 6s e 6s Plus, che consente di accesso rapido caratteristiche app con una spinta forte sulla applicazione di scelta rapida. È inoltre possibile eseguire lo zoom in foto premendo duro, e messa a punto altre scorciatoie che utilizzano Press Touch.

La retroilluminazione è abbastanza potente, troppo, e raggiunge una luminosità massima di 399cd / m2. Si tratta di circa 50cd / m2 più di quello che di solito usano i display AMOLED.Il pannello Super AMOLED della Samsung S7 gestisce solo poco più di 350 cd / m2 così a prima vista si può dire che lo schermo del P9 supera quella della Samsung.

Il Huawei P9 Plus è un telefono molto buono per i media e il gioco, ha un grande schermo ad alta qualità, offre 64 GB di storage e memoria espandibile.

Non ha tutto, però,ha un unico altoparlante principale che si trova sul bordo inferiore, questo causa squilibri nel suono, la “musica” cambia quando deciderete di ascoltare la vostra traccia preferita in cuffia(cio grazie all’uso del DTS).

CPU e RAM:

Huawei P9 Plus, è equipaggiato con un chipset HiSilicon Kirin 955 che garantisce prestazioni assolutamente entusiasmanti; l’accoppiata tra il processore octa-core e la GPU Mali-T880 è perfetta e lo smartphone, durante il miolungo periodo di prova, non ha mai incontrato difficoltà. Siamo al cospetto di un dispositivo davvero equilibrato, molto piacevole nell’utilizzo quotidiano e sempre reattivo nell’eseguire ogni tipologia di applicazione; grazie ai 4 GB di memoria RAM (1 in più rispetto a P9) l’utente non si ritroverà mai in difficoltà nel passare tra un’app e un’altra, l’apertura e chiusura dei software è sempre molto fluida , nonostante memorie eMMC non proprio da primo della classe. Con 64 GB di storage probabilmente non si sentirà neppure il bisogno di munirsi di scheda microSD per l’espansione della memoria ma, volendo, è possibile farlo e rendere “unico” lo spazio di archiviazione grazie ad Android Marshmallow.

L’interfaccia grafica EMUI 4.1 si conferma una delle migliori presenti sul panorama Android; le impostazioni continuano ad essere ancora un po’ confuse, ma sono davvero tante e con un po’ di pazienza (utilizzando magari la funzione ricerca) si può arrivare facilmente alla configurazione di ogni parametro.

Nei benchmark classici dove solitamente somministro i dispositivi, Huawei P9 Plus si è dimostrato inferiore ad altri device equipaggiati con SoC diversi; niente di preoccupante ovviamente ,il P9 Plus va fortissimo, sempre, e non c’è situazione che lo possa spaventare. Neanche il gioco non è un problema: la GPU Mali-T880 garantisce massimi dettagli e framerate costanti. Nessun problema neppure nella riproduzione video: filmati a 1080/60p e 2160/30p sono riprodotti in maniera fluida anche dall’ottimo player video della EMUI. Niente da fare invece con i meno comuni filmati 2160/60p, che vengono riprodotti ma vanno a scatti.

Un contro, il surriscaldamento della scocca posteriore del dispositivo già dopo qualche minuto di utilizzo intenso di app esigenti e con l’applicazione fotocamera attiva. Il calore è percepibile ,ma quasi mai fastidiosa.

Chicca di questo P9 Plus è la presenza del tanto pubblicizzato Press Touch (simile al Force touch dell’Apple) già visto (ma non in Italia) sul Mate S, specifica che permette al display di riconoscere diversi gradi di pressione della superficie e di reagire di conseguenza. La funzionalità, di per sé interessante, ha però indubbi limiti poiché disponibile solo per una manciata di applicazioni proprietarie di Huawei e per l’app galleria.Sulle foto della galleria Huawei (le app di terze parti non permettono di fare nulla) è possibile effettuare uno zoom sugli scatti, il quale si manifesta con una vera e propria lente di ingrandimento che applica uno zoom proporzionale al grado di pressione. Dalle impostazioni è anche possibile configurare delle vere e proprie scorciatoie sugli angoli superiori del display: premendo con forza in alto a destra o a sinistra si potrà accedere a due app tra tutte quelle installate sul dispositivo.

 

Fotocamera:

P9 Plus è equipaggiato con lo stesso identico hardware, proponendo ben due fotocamere da 12 megapixel (sensore Sony) con lenti Leica f/2.2 e lunghezza focale di 27mm; una scatta in maniera tradizionale, l’altra solo in bianco e nero e, secondo Huawei, le due fotocamere collaborano tra loro al fine di produrre scatti di maggiore qualità. Gli scatti di cui P9 Plus è capace sono senza dubbio impressionanti,il mio consiglio è quello di fotografare in modalità RAW poiché la compressione JPEG tende a togliere molto dettaglio a delle foto che altrimenti sarebbero sempre ben definite.


Il P9 Plus ha sempre una certa tendenza a scattare ad ISO piuttosto elevati (per evitare il mosso) ma stando attenti e giocando un po’ con le varie impostazioni è possibile ottenere risultati superiori alla media. Il bilanciamento dei bianchi è sempre preciso, la messa a fuoco rapida (ma non fulminea) e pure il doppio flash LED (dual tone) si difende alla grande.Sul fronte video P9 Plus si difende abbastanza bene; è in grado di registrare filmati a 1080/60p e la qualità è più che buona per uno smartphone, seppur meno sconvolgente se paragonata alla porzione prettamente fotografica. Buoni gli scatti della fotocamera frontale da 8 megapixel con lenti f/1.9; immancabile la tanto apprezzata, soprattutto dal pubblico femminile, modalità “bellezza”.

 Lago Grimaldi-(CS) MacroVista Cosenza – Castello Svevo

Macro

 

Batteria:

Il Huawei P9 Plus è caricata utilizzando un connettore USB-C, piuttosto che il più comune micro USB e supporta la ricarica veloce ,il suo caricabatterie offre due modalità, lo standard 5V, 2A si otterrà con la maggior parte dei telefoni di maggiore capacità e una modalità veloce 9V, 2A che raddoppia quasi il potenziale trasferimento di potenza ,tuttavia, non è tra i telefoni con la ricarica più rapida.

Benchmark:

Prezzo:

Il device, almeno per quanto riguarda le principali offerte disponibili in Rete, si avvicina a gran velocità alla soglia dei 500 euro.

Previous Sony smartwatch 3
Next Ulefone Future

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − 1 =